paini.

Monthly Archives: November 2009

whatsound-whatnoise

“Sound is what comes out of your practice” [Shunryu Suzuki]

Mu.S.A.

POLITECNICO DI MILANO Polo Regionale di Lecco Facoltà di Ingegneria Edile – Architettura Corso di Laurea in Ingegneria Edile – Architettura

Tesi: Mu.S.A. – Museo di Storia dell’Arte per il Cimitero Monumentale di Milano Progetto di recupero e riallestimento dell’area d’ingresso

Relatore:  Prof. Arch. Ornella Selvafolta Correlatore:  Prof. Arch. Manuela Grecchi Consulente (approfondimenti acustica):  Ing. Dario Paini

Tesi di laurea di:

Paleari Roberto Rizzo Fabio Terenghi Claudia Irma

Anno Accademico 2006 – 2007

Scarica il 1° capitolo della loro tesi.

more info: http://paleariroberto.blogspot.com/

root tour

“L’uomo è una pianta rovesciata, le cui radici si estendono verso il cielo e i rami verso la terra” [Mr Platone]

iDea

Dove sta l’idea? È veramente tua l’idea che ti viene in mente? Da dove arriva? Perché arriva a te? Quali sono le condizioni perché questa ti venga a trovare? Credo che la buona idea sia in mezzo a due o più persone che cercano di conoscere, il mondo e quindi se stesse (e viceversa). L’idea è il risultato di un contatto molto umano, e per questo fragile, ma non debole, è qualcosa che non appartiene a nessuno in realtà, non perché non sia tangibile, ma perché l’idea è come un fiocco di neve: se lo tocchi lui scompare sotto i tuoi occhi e ritorna alla terra. “Questo o quel verso fortunato non può insuperbirci, perché è dono del Caso o dello Spirito; solo gli errori sono nostri.” J.L. Borges

Smooth

    Caro Gogo, mi chiedi di scrivere qualcosa di qui, di CPH, o KBH, a seconda. Così spero che le prossime righe, prese a caso tra i miei ricordi recenti, ti invitino a voler respirare quest’aria, così diversa. Sì, perché qui si respira la calma. È difficile spiegarsi, ed è difficile anche accorgersene, credo, se si viene qui come turisti. Perché il turista, essendo di passaggio, non può che assaggiare e andare via, e la calma, si sa, non è amica del poco tempo, o di un solo w-end (weak end). È come il basso in una band, hai presente? C’è ma non si sente, o meglio deve scomparire per accorgerti che prima era lì, ad avvolgere ogni cosa in maniera discreta. La discrezione. E la calma. Intorno. Ecco quello che sento dopo 2 mesi che vivo qui. Così, spesso le persone, anche, diventano invisibili, almeno per noi che abbiamo bisogno che una cosa sia stra-ordinaria per accorgerci della sua presenza. È strano ma è così: impari a sorprenderti delle cose normali. Notare la discrezione, la calma, le cose che sembra facciano di tutto per sfuggirti. Così, le cose non hanno bisogno di sembrare qualcos’altro. (Le case sono a forma di casa.) (Le persone ti sembreranno fredde, ma fa parte della parte, è coerente con il loro modo di apparire sfocati.) Tutto sembra così in tema, così, appunto, in linea con ciò che è intorno. Tutto è luminoso ma pacato come la luce decisa da questa latitudine. Non c’è nulla che abbaglia, che fa sensazione, che colpisce. Si tratta, semmai, di un pugno al rallentatore: hai tutto il tempo per spostarti, ma poi decidi (senti) che vale la pena di rimanere lì, per farsi colpire da un cosa che nel frattempo si è trasformata, per forza di cose, in una specie di carezza. Così, alla fine impari ad osservare proprio ciò che rimane nascosto. Forse sotto sotto ti aspettavi che ti parlassi dei palazzi, dei monumenti (di certe statuine), o del fatto che qui il vino italiano costa meno che in Italia (“poritalia”), o che CPH (o KBH?) è semplicemente bellissima (it’s wonderful); ma in fondo queste cose le puoi trovare in qualsiasi guida, e scritte anche meglio. Ho preferito raccontarti la normalità, quella di tutti i giorni, e così diversa dalla nostra. Un mondo dietro un sottilissimo strato di carta velina.   [dariopaini (c) per un numero di Thea. Cph, aprile 2004, dentro un bar bellissimo, dove si può bere un caffè, leggere un libro preso dalla libreria o portato da casa. L’Adele non era ancora nata ma era già con noi]

Miles a_head

Cinquestelle Un Omaggio a Miles Davis

“Suono per la terra (pausa) “Uso il tempo per uscire da esso (pausa)

CPH – Operaen

Cliccando qui è possibile scaricare l’articolo completo pubblicato sul numero 11 di Arketipo.

Silence Museum

_ É come quando passeggi per strada, o sei seduto in un bar, e guardi, o meglio curiosi nelle case che si affacciano sulla strada che stai percorrendo (o vivendo attraverso un caffè). Guardi dentro e intravedi altre normalità, altre abitudini: